twitter facebook picasa mail feed

Un quartiere senz’auto

GERMANIA. Due anni fa, Il Contesto si domandava in un numero dedicato alla mobilità sostenibile se fosse possibile vivere senz’auto. In Germania questa possibilità sembra sia stata presa davvero sul serio, con la costruzione di quartieri appositamente pensati per famiglie e individui che rinunciano, contratto alla mano, a possedere e usare un’automobile.

Un ciclista a Bonn, Germania. Foto di Simone Natale

Un ciclista a Bonn, Germania. Foto di Simone Natale

Complessi abitativi di questo genere sono sorti in numerose città tedesche, tra cui Berlino, Monaco di Baviera, Amburgo e Colonia. In quest’ultima città, ad esempio, è stato da poco costruito il nuovo quartiere residenziale Stellwerk 60, esteso su una superficie di quattro ettari, che comprende 450 unità abitative. Per abitarvi, è necessario impegnarsi a rinunciare all’utilizzo dell’automobile. Gli unici veicoli ammessi a circolare sono ambulanze e macchine della polizia, i soli parcheggi sono quelli destinati ai visitatori e a un servizio di car sharing. Un progetto simile è stato lanciato nel 1999 nel quartiere Messestadt Riem di Monaco, costruito su terreni in precedenza occupati da un aeroporto. Si trattava inizialmente di 102 unità abitative, alle quali ne sono state aggiunte altre 95 nel 2009.

Autofrei Wohnen
Il sito internet di Stellwerk 60 promette appartamenti dai 60 ai 105 metri quadri, assieme alla possibilità di scambiare “lo stress, il rumore e i fastidi del traffico con più spazi verdi, più rapporti con la comunità, più sicurezza”. Tra i vantaggi, inoltre, c’è la possibilità di usufruire di affitti e prezzi di acquisto più bassi rispetto ad appartamenti tradizionali, grazie al risparmio di spazio dovuta alla mancanza di parcheggi e garage.
Il concetto di “autofrei Wohnen”, vivere senz’auto, risale addirittura agli anni Settanta. I primi esperimenti sono stati lanciati da piccoli gruppi di famiglie, che decidevano di rinunciare per brevi periodi di tempo alle proprie automobili. Da questa idea iniziale sono nati negli anni Novanta i primi esperimenti di quartieri “autofrei”, non solo in Germania, ma anche in altre città dell’Europa centrale e settentrionale, come Amsterdam e Vienna.
Markus Heller, architetto e presidente di Autofrei Wohnen a Berlino, ha discusso di recente le prospettive di quest’idea in un convegno a Montreal in Canada dedicato alla mobilità alternativa all’automobile. Secondo Heller, si possono distinguere tre generi di soluzioni. La prima è quella presa da quartieri che si limitano a spostare i parcheggi al di fuori della zona residenziale, mantenendo la circolazione su quattro ruote fuori dai confini del quartiere. La seconda, chiamata “car-lite”, prevede un misto di abitazioni autofrei e non autofrei, che danno agli occupanti delle prime i vantaggi economici di non dover contribuire alle spese dei posti auto. La terza categoria, quella propriamente definitiva autofrei o carfree, accoglie invece esclusivamente inquilini che rinunciano a possedere una vettura, e possono comunque contare solo su servizi di car-sharing.

Da oggi, rinuncio alla vettura
E’ possibile vivere senz’auto? L’esperienza dei quartieri autofrei sembra dimostrare che la risposta sia positiva, ma sempre a determinate condizioni. C’è innanzitutto il vantaggio economico, che viene sempre sottolineato in tutti i progetti di quartieri carfree, ed evidentemente è un fattore importante per attirare nuovi inquilini. Bisogna, poi, avere un sistema di trasporti pubblici efficiente, in grado di aiutarti negli spostamenti brevi. Infine, di recente, proprio a Montreal, dei progetti di quartieri senz’auto proposti dall’amministrazione cittadina sono stati accusati di essere accessibili solo a ceti molt agiati. Vivere senz’auto, insomma, potrebbe essere anche un lusso.
Ad ogni modo, persino prima dei soldi, c’è bisogno della volontà politica. In Italia sta forse cominciando a muoversi qualcosa, con i progetti di bike sharing lanciati in alcune città e una sempre maggiore consapevolezza del problema da parte della popolazione. Gli anni di ritardo non sono pochi. Per iniziare, ci si accontenterebbe quasi di essere nella situazione della Germania degli anni Settanta, quando nascevano i primi progetti autofrei. Cominceremmo, piano piano, a prendere in considerazione l’idea che è davvero possibile vivere senz’auto.

PrintFriendlyFacebookTwitterGoogle ReaderLinkedInMySpaceDeliciousShare

Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

Commenti

  • http://Sito... Antonino Natale

    Contento di non aver mai posseduto neppure la patente (ho 35 anni), propongo questo articolo per aggiungere un altro buon motivo sul rapporto causa – effetto tra petrolio e dittature per rinunciare all’automobile:

    http://www.reportonline.it/cronaca/mondo/index.html

    Antonino Natale

Commenti Facebook