Filastrocca dei mestieri

Per Maurizio.

Com’è allegro il giocoliere,
ma attenzione al pompiere,
se con acqua e fuoco
ti cucina il cuoco.

Se vuoi andare a ballare
con ritmo musicale,
stai attenta
sennò il frate non ti accontenta!

Il frate ogni sera
ti dice una preghiera
e nel sogno della notte dici:
io voglio cantare!

Se la mamma dice sì
vai a cantare
ma dopo con le amiche tutte a giocare.
Giochiamo a parrucchiera,
con elastici e spalliera,
vediamo cosa sai fare
se sei un atleta tutto fare.

Mentre l’orchestra suonerà
lo zecchino d’oro canta già.

Ciao Maurizio, la prossima volta ti scrivo una poesia vera!

Comments 1

  1. mà ciaooo…mà grazie…..un pò un rompicapo..la poesia..mà…forse..ò trovato un enterpretazione tutta mia..chè mi fà sorridere molto…..invece..il titolo…bè….la parola..mestieri..la associo..a..artigianato…..cosa stupenda..mà purtroppo..non più valorizzata..io discendo..dà una stirpe..di arrotini….ò imparato il mestiere…mà..non puoi…più viverci..purtroppo..è tutto un mondo usa e getta…in generale..però…..noi ci siamo….e allora..non tutto è perduto..anzi….persone come tè..fanno sperare..nel futuro…un abbraccio…maurizio…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.