Anastasia

Erano le quattro del pomeriggio e mi trovo seduto in un dehor di un paese svuotato.
Aspettando Anastasia.

“Sono qui che aspetto lo scorrere del tempo inesorabile. Il caldo, il sole
Che è ancora alto e già sa che dovrà violentare altre notti.
Tanta gente d’intorno e mi sento solo.
Il mio pensiero vola a te tesoro…
Eri buona come un tozzo di pane, ma brutta come una caduta dalle scale, forse,
in un’ altra situazione avrei anche potuto innamorarmi di te…ad esempio,
se fossi nato scemo!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.