Amore ferito: Davide si racconta agli studenti in visita al carcere di Torino

Amore ferito

Ciao ragazze,

sono Davide, da quel di Torino… Ricordate… Quella specie di zoo per “bestie” della nostra specie. Penso non abbiate conosciuto “mostri” o pazzi criminali. Cattivi non si nasce! L’aggressività, la rabbia, l’odio, la diffidenza è sempre AMORE FERITO per alcuni. Altri, cresciuti senza giocattoli, trovarono una pistola e con quella passarono dal giocare a guardie e ladri alla realtà della vita: sono tante le storie di vita che si raccontano tra queste mura. Forse in mezzo a questa vostra storia troverete quanto è importante l’azione della singola persona. Perché è quello che dovete fare per essere persone di valore, nel sociale è richiesto proprio questo. Non dovete arrendervi agli stereotipi, ma conoscere ogni persona per quella che è, capire quello che potrebbe fare di buono in un altro contesto e aiutarlo ad arrivarci.

Credetemi, sarà un’impresa quasi eroica con i mezzi che avrete a disposizione.

Quindi, io vi ringrazio, già solo per averlo pensato, per esservi avvicinate ad un mondo occultato perché scomodo a tutti. Ricordate, gli angeli servono all’inferno, qui potrete riportare luce, vita, dignità.

Grazie a tutte voi, e… più è dura la lotta, più c’è soddisfazione!

La fierezza si coltiva con la “magia del fare”!

 

Un abbraccio
Davide

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.